L'Atletica Leggera all'UNICAL

23 Gennaio 2018

L’Università della Calabria ha promosso la pratica dell’Atletica Leggera all’interno del Campus Universitario attraverso un Protocollo di Intesa tra il Circolo Ricreativo dell’Università della Calabria (CRUC)<


 

Venerdì 19 Gennaio alle ore 16:00, presso la Sala Stampa dell’Aula Magna, all’Università della Calabria, si è tenuto il convegno “L’Atletica Leggera all’Università della Calabria”. Nel corso dell’incontro è stato firmato un Protocollo di Intesa tra il Circolo Ricreativo dell’Università della Calabria (CRUC) e la squadra di Atletica Leggera Cosenza K42, eccellenza di questo sport in ambito regionale che mira, attraverso la collaborazione delle due associazioni e di altri soggetti che si uniranno all’iniziativa, a promuovere l’attività dell’atletica leggera tra studenti e dipendenti all’interno del Campus di Arcavacata e sul territorio. L’accordo si prefigge, inoltre, di collocare l’Università della Calabria tra i primi Atenei in Italia ad offrire a studenti e a dipendenti, oltre ad un percorso formativo di eccellenza, anche la possibilità di curare il proprio benessere fisico e dare spazio alle proprie attitudini e qualità sportive, sul modello delle università statunitensi. Tutto ciò in linea con il Protocollo d’intesa “Sostegno alle carriere universitarie degli atleti di alto livello”, siglato nel dicembre del 2016 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dalla Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI), dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP), dal Centro universitario sportivo italiano (CUSI) e dall’Associazione nazionale degli organismi per il diritto allo studio universitario (ANDUSI). Tale Protocollo dà la possibilità agli atleti di alto livello di conseguire il titolo universitario mediante il supporto di programmi di tutoraggio per gli studenti-atleti; appelli straordinari d’esame quando gli impegni sportivi si sovrappongono alle prove universitarie e l’istituzione di borse di studio a copertura totale o parziale delle tasse universitarie.

L’evento è stato coordinato dal Prof. Gianluigi Greco, componente della squadra podistica CRUC dell’Università della Calabria. Greco ha invitato i diversi relatori presenti, in rappresentanza dell’Ateneo, delle principali istituzioni sportive regionali e del Comune di Cosenza, ad inquadrare lo stato attuale delle iniziative e degli impianti sportivi nelle rispettive realtà e ad indicare possibili future strategie di rilancio e sviluppo dell’atletica leggera regionale e nazionale. Il primo intervento è stato quello del Magnifico Rettore dell’Università della Calabria, Prof. Gino Mirocle Crisci, il quale ha evidenziato come l’ateneo calabrese già da qualche anno preveda nei bandi di selezione dei propri studenti, la possibilità, da parte di atleti di alto livello, di fruire di borse di studio riservate, di una totale esenzione dal pagamento delle tasse universitarie, e dei servizi mensa e alloggio gratuiti. Il Rettore dell’UniCal ha illustrato il progetto, attualmente in itinere, della “Cittadella dello Sport”, che prevede la costruzione di diversi impianti sportivi, tra cui una pista di atletica. Il progetto, che si spera possa essere avviato nei prossimi anni, rafforzerà ancora di più il ruolo formativo dell’educazione motoria, fisica e sportiva e consentirà all’Università della Calabria di candidarsi ad ospitare eventi sportivi di carattere nazionale ed internazionale.

A seguire, il Prof. Luigino Filice, Pro-Rettore dell’Università della Calabria, ha evidenziato come l’ateneo calabrese da anni punti a fornire ai propri studenti una formazione completa che comprenda anche l’attività motoria, nell’accezione anglosassone della parola Education. Filice, inoltre, ha illustrato le numerose attività sportive promosse dal Centro Universitario Sportivo di Cosenza e ha proposto, in virtù del Protocollo di Intesa siglato dal CRUC e dalla Cosenza K42, nuove possibili iniziative per il rilancio dell’atletica leggera che comprendono anche relazioni con altre università italiane. Tutto questo per costruire una rete di collaborazioni a livello nazionale.

Successivamente è intervenuto il Dott. Carmine Vizza, Assessore allo Sport del Comune di Cosenza, il quale, elogiando le finalità e gli obiettivi del Protocollo d’Intesa, ha evidenziato come tale iniziativa si collochi perfettamente nell’importante progetto che il Comune di Cosenza ha lanciato e che comprende la costruzione di diversi impianti sportivi e l’istituzione di iniziative volte alla pratica sportiva da parte dei cittadini. Nel successivo intervento, il Dott. Vincenzo Caira, delegato Fidal della Provincia di Cosenza, ha spiegato le motivazioni della crisi di risultati dell’atletica leggera degli ultimi anni ed ha evidenziato l’enorme lavoro fatto da società sportive come la Cosenza K42, nel costruire vivai di giovani atleti, alimentando le ambizioni sportive regionali e nazionali. Il Protocollo di Intesa tra il CRUC e la Cosenza K42, ha aggiunto, potrà dare un ulteriore slancio a tali ambizioni.

Il presidente del Comitato Regionale della Calabria del CONI, avv. Maurizio Condipodero, nel suo intervento, ha messo in evidenza l’importanza e la bontà dell’iniziativa che non potrà che produrre effetti positivi sul movimento sportivo calabrese, offrendo il pieno sostegno del CONI, così come sottolineato anche dall’ avv. Francesca Stancati, delegato CONI della Provincia di Cosenza, dal Dott. Alfredo Porcaro, Vicepresidente del Comitato Regionale della Calabria del CONI. Anche il Dott. Vincenzo Fallico, Vicepresidente del Consiglio degli Studenti dell’UniCal ha sottolineato l’importanza del progetto per il campus universitario.

A seguire, come evento principale del convegno, è arrivato il momento della firma del Protocollo di Intesa, i cui protagonisti sono stati il Presidente del Circolo Ricreativo dell’Università della Calabria (CRUC), Dott. Alessandro Sole e il Campione dell’Atletica Leggera e Direttore Tecnico della Cosenza K42, Dott. Maurizio Leone. Nel suo intervento Sole ha evidenziato come la firma del protocollo fosse il culmine di un lavoro intenso durato due anni. Il CRUC, infatti, ha rilanciato l’attività del podismo tra i dipendenti UniCal prima attraverso la partecipazione con una propria rappresentativa, nel 2016 a Padova, ai campionati nazionali universitari di podismo, organizzando poi a Rende, per la prima volta, l’edizione 2017 dei campionati, e accogliendo circa 300 atleti provenienti da 13 università italiane. Leone, in un ripercorrere le tappe della sua splendida carriera da atleta professionista, ha presentato il Protocollo di Intesa come un tassello fondamentale per la costruzione di un movimento sportivo che possa garantire la crescita di nuovi atleti di alto livello da far gareggiare in importanti competizioni nazionali ed internazionali, ma anche la possibilità a tutti coloro che non scelgono la carriera agonistica di praticare questo sport.

Successivamente è stata premiata la giovane promessa del mezzofondo calabrese Ayoub Idam (campione Italiano Allievi nei 3000 metri nel 2017 e 2° al prestigioso cross internazionale “Campaccio” nel 2018), come esempio di integrazione sociale attraverso lo sport. A chiusura del convegno sono stati premiati gli atleti della Cosenza K42 che, nel 2017, si sono particolarmente distinti per i risultati ottenuti nelle diverse gare e per la promozione di molteplici attività che hanno consentito alla società podistica calabrese di diventare un’eccellenza dello sport in Calabria. Sono stati, inoltre, presentati dal Segretario della Cosenza K42, Giovanni Mondera, i prossimi impegni agonistici ed elencati i nuovi tesserati 2018. Tra questi il Top Runner Andrea Pranno e gli atleti Senior Giovanni Monaco e Chantel Magengenzha. Per la categoria Juniores è stato dato il benvenuto a Luca Ursano e Pasquale Praticò. Ad infoltire le file delle categorie master sono stati chiamati Giuseppe e Domenico Focà, Alessandro Vitale, Giovanni Ponti, Antonio Forte, Stefania De Napoli e Silvio Daniele.   



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate