Saluzzo: montagna mondiale per gli allievi

23 Giugno 2022

L’Italia ospita domenica 26 giugno, in Piemonte, l’International U18 Cup. Oltre al massimo evento iridato allievi, prevista anche la rassegna tricolore cadetti

 

Tutto pronto a Saluzzo (Cuneo) per l’International U18 Mountain Running Cup di domenica 26 giugno. Sono dodici, compresa l’Italia, le nazioni che saranno al via del Mondiale giovanile di corsa in montagna, manifestazione che per molti atleti rappresenta l’esordio in nazionale, e che, in passato, ha lanciato campioni del calibro di Yeman Crippa e Nadia Battocletti, per citare due azzurri. La manifestazione torna a svolgersi tre anni dopo l’ultima edizione, che fu nel 2019 a Susa, a causa dello stop forzato dovuto alla pandemia. Al via ci saranno gli atleti di Galles, Gran Bretagna, Francia, Irlanda, Irlanda del Nord, Italia (squadra A e B), Polonia, Scozia, Slovenia, Spagna, Ungheria, Usa. Assenti alcune nazioni che solitamente erano presenti, come Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Bulgaria e Turchia, la cui partecipazione è stata resa più difficoltosa a causa dell’attuale situazione geopolitica dell’Est Europa. L’Italia, in qualità di paese ospitante, schiererà al via 15 azzurrini in due formazioni, entrambe in lizza per il piazzamento individuale e di squadra, consentendo quindi a più atleti di vestire la maglia della nazionale.

AZZURRINI - Al maschile riflettori sui portacolori della Pol. Albosaggia, Erik Canovi e Marcello Scarinzi, campioni italiani di staffetta. Proverà a dire la sua anche Nicola Morosini (Us Rogno), secondo ai tricolori di categoria e fresco vincitore dei 3000 su pista a Milano. Da seguire anche i piemontesi Alessio Romano (Roata Chiusani), campione italiano cadetti 2021, e Gabriele Franco Laurenti (Atl. Pinerolo), oltre a Luca Curioni (Gp Valchiavenna), Nicola Pisoni (Gs Trilacum) e Samuel Zanaboni (Atl. Alta Valtellina). Al femminile, le punte sono la tricolore in carica, Alessia Pellegrini (Atl. Valle Brembana), e Anna Hofer (Sportclub Merano), appena convocata per i prossimi Europei di inizio luglio nella squadra U20. In gara anche la seconda e la terza del podio ai campionati italiani, Federica Borromini (Atl. Cascina) e Melissa Bertolina (Atl. Alta Valtellina). Nella squadra B spazio per Debora Bertagnolli (Atl. Valle di Cembra), Sara Dati (Atl. Camaiore) e Alessia Pozzi (Gsd Genzianella). Nel 2019 ci fu la tripletta azzurra al femminile, con il successo di Katja Pattis su Luna Giovanetti e Axelle Vicari, che portarono a casa anche il successo di squadra, il terzo di fila (2017-18-19, dopo i successi del 2006-07-09). La formazione maschile invece chiuse in quarta posizione, con il settimo posto di Massimiliano Berti come miglior piazzamento degli azzurri.

CADETTI - Abbinata all’appuntamento mondiale, anche una rassegna tricolore: il Trofeo Nazionale cadetti per Regioni di corsa in montagna per le rappresentative under 16. Lombardia, Piemonte, Veneto, Valle d’Aosta, Liguria, Toscana, Puglia (con la sola squadra maschile), Trentino le regioni in gara. Sia al maschile che al femminile, saranno al via i primi tre del campionato italiano. Tra gli uomini, il piemontese Simone Abbatecola (Atl. I Due Soli), tricolore anche nella staffetta con il compagno di club Pietro Ruga, e i trentini Fabio Mozzi (Atl. Team Loppio) e Nicola Girardini (Atl. Tione). Nella prova femminile le trentine Licia Ferrari (Valchiese) e Paola Parotto (Us Quercia Trentingrana) e la piemontese Silvia Signini (Bugella Sport).

PERCORSO - Sempre suggestivo il percorso di gara, così come nelle edizioni del 2018 e 2019. Lungo 4 km, la particolarità del tracciato sta proprio in questo aspetto: la corsa in montagna va in città. Si corre per le vie del centro storico e nei parchi privati delle ville della collina, grazie alla collaborazione dei cittadini saluzzesi che anche quest’anno aprono le porte delle proprie case alle gesta di quegli atleti che sono invece soliti per lo più ad andare per sentieri. Saluzzo, città capitale di un antico Marchesato che dal 1140 al 1548 dominò il Piemonte sud-occidentale fino a ritagliarsi un posto di prestigio fra i grandi regni europei, tornerà così ad offrire agli atleti e agli spettatori dell’evento tricolore tutte le proprie ricchezze storiche. Il tracciato di gara toccherà monumenti storici come la Castiglia, residenza dei Marchesi e poi adibita a casa penale, che verrà attraversata dagli atleti; l’Antico Palazzo Comunale e la Torre Civica, la casa-museo di Silvio Pellico che qui nacque nel 1789 e vi trascorse i primi anni di infanzia.

PROGRAMMA - Si comincia con le nazioni e le regioni partecipanti attese sabato 25 giugno a una sfilata nel centro della città (partenza alle 17 da piazza Garibaldi, con passaggio in via Ludovico, corso Italia e sotto la statua di Silvio Pellico). Domenica 26 giugno le gare con inizio alle ore 8.30 per la categoria ragazzi. Alle 9.00 prenderà il via il Trofeo Nazionale per Regioni con le cadette prime a scendere in gara, poi alle 9.30 i cadetti. Le sfide internazionali saranno invece a partire dalle 10.15 con le donne, a seguire alle ore 11.00 i maschi. Chiuderanno la manifestazione le gare open riservate agli allievi e agli esordienti. Grande festa poi la domenica sera, con premiazioni e cerimonia di chiusura in programma alle 18 in piazza Vineis, a coronare l’impegno organizzativo dell’Atletica Saluzzo che ha fortemente voluto l’assegnazione di questo evento per festeggiare al meglio i propri 30 anni di attività.

Myriam Scamangas (FIDAL Piemonte)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ISCRITTI


Condividi con
Seguici su: